Volete ricevere le ultime notizie su Agape? Registratevi qui per ricevere la nostra newsletter.

Facebook-link Facebook  /  Instagram-link Instagram  /  Pinterest-link Pinterest  /  Twitter-bird-light-bgs @agapedesign
 /  De_club de club
 
ITA / ENG
 

 

Prodotti

  • Categorie
  • Anteprime
  • Cataloghi
  • Download
  • Referenze
  • Notizie

    Press

    l'Azienda

    Contatti

    Assistenza

     
     

    Portfolio — Ritz apartment, Almaty

     
     

     
    Nazione: Kazakistan
    Progettista: Coordination Berlin
    Tipologia: casa privata
     

    Con i suoi oltre 30 piani, la Torre Esentai svetta su Almaty, la città più popolosa del Kazakistan. I piani inferiori dell’edificio ospitano numerosi uffici e l’hotel Ritz Carlton mentre quelli superiori sono dedicati alle residenze private. Tra queste, l’appartamento disegnato dallo studio Coordination di Berlino è nato come luogo deputato al relax.

    La libertà con cui è stato pensato l’ambiente è subito chiara nell’originalità del progetto di un loft di 220 metri quadrati con un’unica stanza da letto e una vertiginosa vista a 270 gradi sulla città.

    La pianta a L è stata concepita come un continuum capace di generare una gerarchia tra spazi più e meno privati. La zona living è il nucleo centrale dell’abitazione, la cucina è animata dalle forme dei mobili in legno d’ebano e dal pavimento in lastre triangolari di travertino, la stanza da letto gioca con le infinite immagini del panorama create dal muro di specchi. Gli arredi e ogni altro dettaglio dell’appartamento sono stati progettati appositamente dallo studio Coordination: tutto lo spazio è percorso da contrasti cromatici e geometrici e dalla dinamica tra scorci e rispecchiamenti. Si distingue in particolare la dressing room, dove eteree grafiche di nuvole campeggiano sui pannelli di acciaio lucido e si riflettono nelle pareti di vetro sabbiato, nascondendo un’impressionante cabina armadio.

    La stanza da bagno padronale è rivestita interamente di pietra, con porte di vetro smerigliato ed elementi di bronzo. Continua anche in questo ambiente il dialogo tra gli specchi e la vista sulla città, arricchito dalla presenza delle boiserie. Su uno sfondo cromatico scuro si staglia così come una scultura il lavabo Bjhon 1, nato da un’idea di Angelo Mangiarotti nel 1970 e realizzato da Agape, qui nella versione in marmo di Carrara bianco con il bacino collocato sulla colonna tronco conica.

    photography: Dirk Dähmlow

     
     
     
     
    « torna al portfolio